Uncategorized

Fusion, nuove architetture

gennaio 31, 2019

FUSION, NUOVE ARCHITETTURE

Un carattere soft ed elegante, un rapporto equilibrato fra materiali nobili e pregiati. Sono queste le caratteristiche estetiche che colpiscono di più nel nuovissimo programma Fusion di Ernestomeda.

Il modello si configura senza dubbio come uno dei più raffinati della gamma, ma non solo. Con le soluzioni d’arredo che propone, infatti, permette di strutturare l’ambiente cucina secondo nuove prospettive architettoniche che esaltano il gusto del ricevere o più semplicemente il piacere di condividere la preparazione dei pasti con i propri famigliari.

Sobrio rovere

L’eleganza discreta, quasi invisibile, del programma si fonda anche sulla sobrietà degli elementi compositivi. Una delle possibilità di organizzazione è data dall’inserimento di una parete divisoria realizzata nello stesso materiale delle ante. In questa versione, Fusion si presenta con ante in rovere warm gray che riveste senza soluzione di continuità anche il muretto, separando con grande naturalezza la zona preparazione dalla zona giorno. Il legno scuro per la cucina, il color canapa per il laminato Unicolor del piano di lavoro e per i pensili sono cromatismi morbidi e di tendenza, in perfetta armonia con i mobili della zona living.

Pregiata pietra

L’integrazione fra i due ambienti è incentivata anche dalla presenza di altri elementi, come la mensola “Bag” inserita nella parete divisoria. Realizzata in laccato lucido grigio lava in questa versione, è un complemento originale che propone piacevoli momenti alternativi alla tavola classica, ideale per una colazione, uno spuntino o una tisana rilassante.

Materiali di elegante effetto, come il laccato lucido e l’acciaio, si possono coniugare anche con materiali pregiati, come la pietra. Nella foto, la boiserie sullo sfondo e il rivestimento della parete divisoria “Build” è appunto in pietra grey, particolare che rende l’insieme estremamente raffinato.

Prezioso Marmo

Il motivo della parete divisoria si applica anche alla logica dell’isola. Anzi, questo può essere un modo originale per nascondere sempre alla vista la zona operativa (nel caso dell’esempio, il reparto cottura) e mantenere un rapporto equilibrato e ottimale con lo spazio circostante. La zona lavoro e l’ampio reparto contenimento sono in rovere warm grey, mentre le pareti divisorie che abbracciano l’isola sono state realizzate in prezioso marmo di carrara.

Composizione tradizionale a golfo

Il design moderno del programma si evidenzia con estrema facilità anche nell’ottica di una composizione tradizionale. Basterà scegliere gli elementi giusti per valorizzare la linea semplice e affascinante dei mobili: una maniglia particolarmente decorativa (come il modello “Ribbon” sistemato al centro di ogni anta), un top alto e un contrasto cromatico, come quello chiaro-scuro della versione della foto, ottenuto dalle ante delle basi in rovere “warm grey” e pensili e armadi in laccato bianco.

ALTRI ARTICOLI CORRELATI:

0 likes