Uncategorized

Guardiamoci allo specchio

gennaio 31, 2019

GUARDIAMOCI ALLO SPECCHIO

Come rendere gli ambienti più ampi e luminosi? Una soluzione è l’utilizzo di un oggetto d’arredo che più di ogni altro illude e modifica la percezione visiva degli spazi, ovvero lo specchio. Oltre a essere funzionale, arreda negli stili più diversi e contagia i complementi rivestendoli di luce. Non resta che divertirsi nella scelta, tenendo presenti alcuni consigli.

Per i piccoli ambienti gli specchi sono la scelta ideale e non ci sono limiti alla fantasia; posizionandoli a parete, vicino alle finestre, riflettono il paesaggio esterno e regalano un effetto ottico che amplia gli spazi. Nel caso di una stanza a forma rettangolare e stretta, basterà mettere lo specchio sulla parete lunga; se al contrario è corta e larga, dovrà essere posizionato sulla parete di fondo oppure si potrà optare per una scelta più sofisticata, come una porta rivestita di vetro specchiato (foto a lato, porta Casali, trasparente con fondo specchiato bifacciale temperato).

Non solo pareti e porte, anche mobili e complementi offrono inedite soluzioni. Dalla collaborazione fra Leo De Carlo e Arte Veneziana nasce RifleSSivo (foto a lato), una collezione dal sapore pop e giocoso, che unisce la tradizione manifatturiera dello specchio inciso con modernità e tecnologia. Alto artigianato anche per gli specchi di Riflessi, alcuni in produzione limitata; eleganti elementi che personalizzano gli ambienti e arredano la casa.

Ne esistono di tutte le forme, dimensioni, materiali e colori e ce ne sono per tutti i gusti, dai modelli classici ed eleganti, a quelli originali per abitazioni informali. Gli specchi di Carlo showroom sono tondi, quelli di Kristalia rettangolari, ultramoderni e dalle grandi dimensioni; utilizzabili sia in orizzontale che in verticale, rendono più profondi, affascinanti e luminosi gli spazi domestici (foto a lato). Diamantini & Domeniconi hanno inserito una superficie specchiata anche in un orologio a parete, Memoclock. Quelli di Domestic hanno le forme più fantasiose, a cuore e a stella.

Autore: Matilde Bonatti

0 likes