Senza categoria

I piani cottura, misure e materiali

maggio 9, 2019

I PIANI COTTURA, MISURE E MATERIALI

La scelta oggi dei piani cottura puo’ contare su un’amplia gamma di prodotti, diversi per misure, materiali, funzionalità e prezzi. Sicuramente il primo aspetto da scegliere è la grandezza.

Le misure

Quanto spazio avete in cucina? Quante persone utilizzeranno il piano cottura e per quante cucinate? Sono domande preliminari che vi aiuteranno a delineare le vostre esigenze in cucina. I piu’ piccoli sono moduli da 30 cm con due bruciatori, soprattutto utilizzati per rispondere ad esigenze particolari di composizione. Gli elementi si possono accostare con dei listelli in acciaio inox.

Piu’ classici i piani da 60 cm, la dimensione standard più utilizzate, sul cui piano sono collocati generalmente 4 bruciatori. I comandi possono essere frontali oppure laterali, questa sarà solo una scelta estetica e di design.

Smeg propone in 210 cm di spazio un piano cottura ed un lavello, inseriti nella stesso piano d’acciaio, completo di canaletta attrezzata.

Chi ha un piano di lavoro sufficientemente spazioso opta spesso per un piano cottura da 75 cm, 15 cm in piu’ che si notano, permettendo innanzitutto l’inserimento di un quinto elemento riscaldante. Aumenta la praticità, la comodità di uso, e permette di utilizzare contemporaneamente pentoli di grandi e medie dimensioni.

Infine, i piani da 90 cm, da sogno per gli amanti del buon cucinare, ma decisamente impegnativi dal punto di vista dello spazio. Spesso impiegati nelle cucine professionali. Anche in queste dimensioni ci sono in media 5 bruciatori.

Tra le novià del mercato Candy ha lanciato la nuova serie Plan da 75 cm, con bruciatori e griglie in acciaio inox, piastra elettrica al centro e comandi frontali.

I materiali

Il più utilizzato e ampiamente diffuso è il quasi onnipresente acciaio inox. Difficile competere con le caratteristiche estetiche, funzionali ed igieniche di questo materiale che rimane tra i preferiti nelle cucine italiane. Anche se nel tempo tende a rigarsi, i piani in acciaio sono diventati veri primi attori nel palcoscenico della cucina, assolutamente in vista, forti di un design accattivante e curato, e per questo ormai privo di coperchio. Per eliminare macchie residue si puo’ utilizzare acqua tiepida ed aceto bianco, ed asciugare con un panno morbido e pulito

Anche Ariston propone il 75 cm in una linea minimalista, dove emergono le griglie dal design inconfondibile, in ghisa rigorosamente nere. Il piano tech ha 4 fuochi.

Un’alternativa al moderno acciaio è il piano in fragranite. perfetto per le cucine in stile classico e tradizionale, si abbina bene ai colori del cotto e della ceramica. Attenzione però ai corpi contundenti che cadendo potrebbero scheggiare il rivestimento.

Infine il piano cottura in cristallo temperato, una novità che propone un effetto vetro al posto dell’acciaio. Molto utilizzate nelle cucine di design, il piano in cristallo ha una forte resa estetica , ottima resistenza al calore, anche se la sua superficie a specchio vuole essere sempre mantenuta perfettamente pulita. Chi lo utilizza garantisce facilità di pulizia utilizzando pelle di daino o panno in microfibra.

Nella seconda parte di questo articolo ci occuperemo delle tipologie di alimentazioni, dalla vetroceramica elettrica al piano ad induzione.

ALTRI ARTICOLI CORRELATI:

0 likes