Senza categoria

Il mobile cucina di oggi

agosto 8, 2019

IL MOBILE CUCINA DI OGGI

Come si sta evolvendo la cucina moderna? Le dinamiche sono numerose e coinvolgono diversi aspetti, dalla funzionalità all’estetica: fra innovazioni tecnologiche, originali sistemi di contenimento o nuove disposizioni che abbattono i confini fra un ambiente e l’altro, il termine cambia significato a seconda delle idee e delle preferenze di chi lo utilizza. Ecco alcuni esempi.

Tecnologia in cucina

La tecnologia entra in cucina attraverso lo studio e l’applicazione di nuovi materiali e attraverso progettazioni sofisticate, che puntano a valorizzare le funzioni per ottimizzare l’utilizzo. I modelli di cucine in cui questo processo è evidente non sono solo mobili pratici e belli da vedere, ma veri gioielli a livello tecnico e funzionale. Una ricercatezza estrema dei dettagli convive con l’applicazione di accorgimenti destinati a diventare indispensabili nella vita di tutti i giorni.

Nella produzione Ernestomeda, “Elektra” ha questo ruolo: ante più spesse e robuste; una varietà di finiture e di moduli tali da permettere una trasformazione totale dell’aspetto; un piano di lavoro personalizzabile con materiali come il Corian®, l’acciaio o il marmo, di diversi spessori e con un’ampia gamma di accessori; gli interni con schienale luminoso e ripiani in cristallo; tutte le funzioni ingegnosamente distribuite su cinque livelli (dai cassettoni in basso alla dispensa con apertura vasistas).

La più recente progettazione viene incontro a chi desidera essenzialità innanzi tutto. “Solaris” è dedicata a chi desidera concentrarsi solo sulle funzioni. Cucina moderna vuol dire anche questo. E’ una cucina-oggetto frutto di un processo di astrazione unico, che gli consente di essere un mobile totalmente slegato da logiche di abbinamento. Lavaggio, cottura e preparazione sono raccolte in un’area di circa tre metri completamente in Corian®. Accostabile indifferentemente ad arredi moderni come a mobilio d’epoca.

Le forme del contenimento

Nuove tipologie d’arredo rompono la più classica distribuzione di contenimento fra basi e pensili. Originali sistemi modulari possono prendere il loro posto, grazie alla loro flessibilità e quindi alla possibilità di personalizzare ancora di più l’ambiente. Interessanti sono le soluzioni che permettono di sfruttare un’intera parete, mantenendo un aspetto elegante e uniforme e aprendosi all’uso con discrezione. Un grande contributo lo danno ampie armadiature di tutti i generi, ma non solo.

Le ante dell’armadio M.O.D.E. sono scorrevoli e rivestono un sistema di colonne multifunzione: per quella in cui sono ospitati i forni è previsto un vano nell’anta che ne rende accessibile l’utilizzo anche quando l’armadiatura è chiusa. Lo spazio delle altre colonne è dedicato alla sistemazioni di utensili e stoviglie.

Secondo un’altra prospettiva il reparto contenimento può essere sfruttato scenograficamente in composizioni inusuali, grazie a moduli che si moltiplicano e si dispongono negli spazi a parete in completa libertà (nella foto il modello “Verve”)

Cucine con vista

Le cucine a ridosso del soggiorno generano nuove, comprensibili esigenze estetiche. Una tipologia specifica di cucina è progettata per diventare un naturale prolungamento della zona living. Le aree funzionali vengono discetamente nascoste a vantaggio di un aspetto curato ed omogeneo.

Lo stile è elegante, con materiali che non spiccano. Leggere barriere dividono i volumi dell’ambiente con destinazioni diverse, anche se contigui.

Così anche nel programma “Fusion”, che prevede la possibilità di inserire una parete divisoria rivestita dello stesso materiale delle ante (in questo caso rovere warm gray).

0 likes