Senza categoria

I frullatori

ottobre 31, 2019

I FRULLATORI

Non è mai stato così facile e divertente come oggi preparare frullati, salse, creme o minestroni, grazie alla tecnologia elettrodomestica che ci dà un grande aiuto, proponendoci una vasta scelta di frullatori. Sul mercato ne troviamo di tutti i generi e prezzi: dal super accessoriato al mini trita-tutto. Qualunque sia la nostra scelta è sempre bene sapere quali dei tanti “piccoli elettrodomestici” fa al caso nostro. Proprio per questo, oggi si parlerà di frullatori: come sono fatti, in che modo si usano, come si puliscono e che tipi troviamo in commercio.

Dividiamo i frullatori in due categorie: quelli tradizionali con il bicchiere, e quelli ad immersione.

Frullatori tradizionali

I frullatori tradizionali sono composti da una base, dove si trova il motore, e su questa base sono posti i comandi per la regolazione della velocità e dell’accensione. Alla base viene incastrato il bicchiere graduato per il dosaggio dei liquidi, di solito in plastica o in vetro. Alla base del bicchiere si trovano le lame, il loro compito è di girare velocemente per sminuzzare e frullare gli alimenti. Le lame girano con diverse velocità, alcune ad intermittenza, per evitare il surriscaldamento. Il bicchiere viene chiuso da un coperchio che a sua volta contiene un’apertura con un tappo, per versare liquidi mentre il frullatore è in accensione.

Accessori

Esistono dei frullatori che hanno in dotazione accessori per tritare alimenti asciutti, come gli acini di caffè o le noci; questi accessori vengono posizionati alla base, al posto del bicchiere.

Cosa possiamo preparare

Il frullatore tradizionale può essere usato per preparare frullati di frutta o passati di verdure, composti morbidi per preparare ripieni o sbizzarrirsi nella composizione di salse come la maionese e il pesto. Di solito il frullatore non si usa a secco ma sempre con un liquido o con ingredienti morbidi come la frutta che è ricca di acqua. Bisogna, quindi, stare attenti a non rovinare le lame o a surriscaldare il motore. In commercio, possiamo trovare dei modelli con lame particolarmente resistenti, usate anche per tritare il ghiaccio. Con il frullatore non si può nè montare la panna, nè gli albumi.

Frullatori ad immersione

I frullatori ad immersione sono formati da un’impugnatura, e da un “piede”. Il motore si trova nella parte superiore da cui esce il cavo di alimentazione. La parte inferiore è costituita da un’asta con alla base il piede e all’interno le lame. Il piede ha la funzione di proteggere le lame e di evitare schizzi mentre sono in funzione. Questo elettrodomestico da cucina lo si usa immergendolo direttamente nel composto da frullare: ad esempio dentro una pentola con del minestrone per poi farne un passato di verdure.

Accessori

I frullatori ad immersione spesso hanno in dotazione un contenitore graduato, alto e stretto, ideale per lavorare gli ingredienti e dosare i liquidi. In commercio possiamo trovare modelli a cui è possibile agganciare, al posto del piede con le lame, un mini-tritatutto adatto per degli alimenti come le noci o la frutta secca, oppure una frusta per montare e mescolare.

Cosa possiamo preparare

I frullatori ad immersione hanno lo stesso utilizzo di quelli tradizionali, quindi si possono preparare frullati, passati, creme e salse. A differenza di quelli tradizionali, sono più pratici perchè possono essere utilizzati direttamente in qualunque recipiente. Il piede infatti racchiude le lame, evitando il contatto con le pareti del contenitore.

Pulizia

Una volta usati, entrambi i tipi di frullatori vanno lavati con cura in acqua calda e con un detersivo per piatti. I frullatori ad immersione possono essere sciacquati direttamente sotto il getto dell’acqua, stando attenti a non bagnare l’impugnatura che contiene il motore, e in ogni caso sempre a spina staccata. La base dei frullatori a bicchiere non va mai immersa nell’acqua ma lavata con una spugnetta. Per lavare le lame, si può riempire il bicchiere del frullatore con acqua calda saponata e azionare l’apparecchio per 30 secondi. Allo stesso modo si possono lavare le lame del frullatore ad immersione, facendolo andare per 30 secondi in un recipiente con acqua e sapone. Ci sono alcuni modelli le cui lame sono estraibili, più facili da lavare.

ALTRI ARTICOLI CORRELATI:

0 likes
Related Posts

Senza categoria

I cestoni … in vimini

ottobre 7, 2019 0 0

Senza categoria

Iittala, il design che viene dal Nord

aprile 13, 2019 0 0

Senza categoria

Idee regalo per la cucina – Parte I

aprile 16, 2019 0 0